Giorno 231 – Stability and Control of Nonlinear Systems (Sirena)

scnls.gif

Di nuovo giorno d’esame. Il sesto esame all’Imperial College. Mi alzo abbastanza presto, anche se effettivamente non ho molta ansia addosso per questo esame. Perché sono preparato dite? No, perché mi sento che questo esame può andare malissimo. La materia non è delle più semplici, ma è molto interessante. Il professore non è stato per niente chiaro durante le spiegazioni. Oltre a me ed il DrG la sua confusione mi è stata confermata anche da Eric poco prima di entrare in aula quest’oggi. E poi il tempo è stato poco. Causa altri tre esami negli ultimi tre giorni lavorativi della scorsa settimana, ho avuto due giorni e mezzo per riprepare una materia caotica e confusa. Insomma il mio stato d’animo è quasi rassegnato. Vedremo come va. È affrontare una sirena, che ti imbambola con i suoi mille suoni e non ti fa capire più niente. Si inizia alle 10.00. Siamo al centro dell’aula, oggi sembra destinata a tutti i corsi con pochi iscritti. L’aula è stracolma ma staranno esaminando almeno quattro materie differenti. Di SCNLS ci siamo io ed il DrG, Eric, i due ragazzi francesi che seguivano con noi e credo altrettanti asiatici, basta, eppure eravamo di più a seguire le lezioni a Ottobre. Poi altri ragazzi dell’EEE che conosco stanno dando i loro di esami, e ci sono anche l’Indaffarato e David del progetto sul robot che danno un altro esame ancora. Chi ci controlla? Per continuare il nostro mix di professori, il docente di SE&ASP ci controlla SCNLS. Che strana e buffa randomizzazione, chissà se arriviamo così fino alla fine.

Apro il compito che sono le 10.00. Esercizio 1, lo so fare, certo mi devo inventare qualcosa qui e lì, ma ve l’ho detto è grasso che cola che arrivo in fondo. Esercizio 2, anche questo sembra fattibile, al termine della metà del tempo ho terminato metà del compito, inventando qualcosina raccimola-punti anche al 2. Il terzo sembra fattibile, do un’occhiata a 4-5-6 per sicurezza. Il sesto lo escludo proprio. Il quarto lo so fare in un modo appreso dal libro, quello spiegato da lui nell’ultima ora di lezione non l’ho capito, però sembra richiesto questo. Vabbé, ho già perso 5 minuti, meglio fare il terzo. Che fortunatamente si rivela facile come sembrava. Mamma mia, e chi se l’aspettava tanta grazia da questa sirena. Valutando troppo rischioso il quarto mi butto sul quinto. A vederlo sembra tosto, ma magari se sono fortunato l’idea che ho su come dimostrare la passività di questo sistema funge subito. A parte cinque minuti di panico sulla costruzione di una funzione di Lyapunov (le famose V(x) che ti devi inventare e sperare che funzionano), l’idea funziona e mi porta a breve ad aver fatto mezzo esercizio. Leggo l’altro mezzo, sembra facile. Insomma credo che terzo e quinto siano andati meglio di primo e secondo. Ho addirittura 5 minuti per rivedere tutto. E brava la sirena. Ciao ciao sesto esame.Sirena.jpg

Sono le 13.00. Mangiamo all’Imperial, mi prendo la mia solita crépes, la ragazza delle crépes, che in genere mi saluta e basta, si ferma anche a chiacchierare. È una bella ragazza, fa sempre piacere parlare con una bella ragazza. Mangio la crépes, mentre il mio sogno di farmi un pisolino si frantuma ricordandomi della conferenza di BMI delle 5.00. Ci dobbiamo andare, c’è la premiazione del progetto della scimmia ed io e il DrG potremmo essere i vincitori.

Ingannato il tempo fino alle 5.00 al quinto piano dell’EEE, andiamo a BMI. Che brutta sensazione, sono tutti adulti. Ci sono i professori, i dottorandi che hanno assistito al corso, qualche tizio che ci ha fatto qualche conferenza, altre persone sicuramente ricercatori. Che palle, nessuno degli studenti che ha partecipato all’esame. Prima della conferenza (che tattica subdola) premiano. Il premio della competizione discreta va a … parte la grafica, le barre dei 4 gruppi si riempiono … gruppo 1! Evviva, sono io. Vado a ritirare il premio (aspettato): un voucher di 50£ di Harrod’s e degli attestati firmati dai due docenti titolari del corso. Poi dividerò col resto del gruppo. Il gruppo 2 vince la parte continua, ed il DrG ritira il premio. Se prima mi lamentavo che eravamo gli unici, a valle del premio ringrazio il cielo di essere almeno noi là. Sa che figuraccia che facevano i nostri professori se nessuno ritirava il premio. La conferenza è una noia mortale.

Tornati in Hall non faccio nulla. Mi prendo un pomeriggio libero ormai. Ceno con pasta funghi e prosciutto, poi raggiungo il DrG e Damien in cucina da loro. Quattro chiacchiere, e torno in camera mia a vedere un bell’episodio di Desperate Housewives che tanto mi rilassa.

Quando mi metto a letto mi do anche il permesso di svegliarmi all’ora che voglio senza sensi di colpa. Per oggi abbiamo sconfitto un mostro ed il prossimo è abbastanza distante da poter dormire stanotte. I fanti meritano un po’ di riposo dopo pesanti battaglie. MrAl

Giorno 231 – Stability and Control of Nonlinear Systems (Sirena)ultima modifica: 2011-05-16T13:08:00+02:00da signoral
Reposta per primo quest’articolo