Giorno 270 – Londra in 5 ore

Londra_cinque_ore.jpgLa sveglia mi fa alzare dal letto alle ore 10.30. Quando apro gli occhi in camera di Caterina le immagini del giorno precedente ci mettono un po’ ad arrivare, passano almeno cinque secondi prima che realizzo che Luke è veramente di sopra, non è stato un sogno della notte di ieri. Prendo tutte le mie cose, ripristino la stanza all’assetto originale, e vado in camera mia, mi vesto, e salgo da Damien. Ha appena finito di impacchettare tutto, si è preparato per andare all’Imperial College a firmare il foglio di uscita. Pensavo mi facesse brutto vedere la sua valigia lì, e invece no. La meravigliosa chiacchierata di ieri sera, il fatto che è ancora qui per 24 ore, mi danno felicità, non tristezza. Lo lascio andare, e busso alla porta di fronte. Luke ed il DrG sono svegli. Vado a fare colazione in camera mia mentre loro si preparano, verso le 12.30 arrivano, ed inizio a preparare il pranzo. Pasta con gamberetti e panna. Tempo che si mangia, si lava e ci si prepara si fanno le 2.00. È ora di uscire, è ora di iniziare il tour di Londra per il mio amico Luke. Il DrG non si unisce a noi, tra poche ore arriva LadyV in areoporto e la deve andare a prendere.

Mai questo tour, già assodato con mia madre e mio padre, si è rivelato più proficuo. Partiamo dalla Torre di Londra raggiunta in Metro, Tower Bridge e vista della City e della City Hall. Via autobus scendiamo a St.Paul dove possiamo entrare perché dalle 5.00 i fedeli possono accomodarsi per la messa delle 6.00. Passeggiata sul Millenium Bridge, foto davanti al Tate Modern, e di nuovo in autobus fino a Trafalgar Square. In mezz’ora abbondante vediamo i quadri principale della National Gallery, una visita alla piazza ed alle fontane, e poi giù, costeggiando Downing Street, verso il Parlamento ed il Big Ben, passeggiata su Westminster Bridge per ammirare il London Eye, e si ritorna indietro. Breve sosta davanti a Westminster Abbey, e diritti verso Buckingham Palace. Alle 7.15 questo tour di successo si conclude con la foto davanti alla statua della regina Vittoria. Il tempo è nuvoloso, a tratti vento freddo ti rinfresca le braccia e c’è bisogno della felpa sopra la t-shirt. A Buckingham Palace inizia anche a piovere. Ce ne torniamo indietro, avendo fatto foto artistiche e turistiche, Luke sembra soddisfatto, io sono contento di avergli fatto vedere le cose più popolari in così poco tempo, almeno domani ci godiamo qualcosa di più caratteristico e meno commerciale.

Intorno alle 8.00 siamo in Hall, rientrando trovo Damien e Maria a parlare fuori la porta 28 con due facce funeree. Oggi torna Caterina ed è l’ultima cena di Damien, abbiamo organizzato qualcosa di memorabile, praticamente una Italian Dinner riservata a noi. A tavola siamo in dieci: Damien e Francesca, io e Luke, il DrG e LadyV, Lorenzo e Caterina, Samuel e Dile. Per sfamarci ci sono due teglie di mia parmigiana, due grandi teglie di cannelloni del DrG, il risotto ai funghi di Lorenzo, due pizze salate e tante piadine di Francesca, gelato di Samuel, torta al cioccolato di Damien e birra di Dile. Durante la cena lo stomaco di ognuno di noi arriva a saturazione, per mangiare la torta al cioccolato con il gelato alla vaniglia ci mettiamo secoli. La cena scorre a tratti allegra, a tratti triste. Damien è quello più triste di tutti, leggo nei suoi occhi la felicità per tutto questo che ha davanti, e la tristezza per dover lasciare tutto domattina. Ultima foto di gruppo, e poi tante chiacchiare varie. Ce ne andiamo a letto stanchi, dopo aver lavato tutto due volte ed essere stati richiamati dal Warden in persona per aver usato la cucina dopo le 11.00, e dopo aver finalmente giocato a The Great Dalmuti.

Quando sono a letto del DrG sono le 3.30, Luke mi fa fare due risate legate al caldo di Siviglia e ad idee strane che si hanno in preda al delirio per affrontarlo. Meno male che c’è Luke a farmi ridere, vado a dormire con gli addominali che mi fanno male.

Metto la sveglia alle 8.15, dormirò a mala pena quattro ore, per fare la cosa più difficile del mondo. MrAl

Giorno 270 – Londra in 5 oreultima modifica: 2011-06-24T12:09:00+02:00da signoral
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Giorno 270 – Londra in 5 ore

  1. Sicuramente questi 9 mesi ti hanno dato tanto e ti rimarranno sempre nel cuore insieme alle persone conosciute e alle esperienze vissute,ma tutto questo potrebbe essere solo un “arrivederci” se lo si vuole…
    In ogni caso: bentornato 😀 !!!!

I commenti sono chiusi.